Natale 2019

Carissimi amici del progetto COLORIAMO LA VITA,
Ringrazio il Signore per la presenza di tante persone che vivono la condivisione e sono sensibili al dolore umano e ringrazio Voi per le offerte che riceviamo. 
Quest’anno celebriamo quarant’anni di presenza nel Brasile, abbiamo cominciato a Sao Luis (Stato del Maranhao), poi in Fortaleza (Ceará) e ultimamente in Florianopoli (Santa Catarina). La nostra missione lavora per migliorare la condizione di vita di bambini, adolescenti, giovani e donne in situazione di rischio e disagio sociale. Sono state realizzate varie attività: balletto classico e contemporaneo, musica, capoeira, teatro, attività di artigianato e iniziative culturali in spazi pubblici per diffondere una mentalità di rispetto, tolleranza e inclusione. Possiamo dire che grazie a tutto questo molti giovani sono sfuggiti alla droga e alla prostituzione. Specialmente per le donne sono stati realizzati dei corsi professionali che hanno migliorato la loro formazione umana e spirituale. Al termine del corso tutti ricevono un certificato di frequenza che permette loro di entrare nel mondo del lavoro o organizzare un’attivitá lavorativa autonoma.
Un’attenzione speciale è rivolta alle donne in situazione di prostituzione o detenute che sono vittime di discriminazione per la loro condizione di povertà e analfabetismo.
Noi abitiamo nelle favelas per nostra scelta e ultimamente assistiamo a situazioni impensabili soprattutto nel carcere: la maggior parte dei detenuti si trova lì solo per spaccio di modeste quantità di droga o piccoli furti. Pensate che il carcere di Fortaleza ha una capacità per 374 persone e attualmente ne accoglie 1.100! Non c’è lo spazio sufficiente per distendersi e dormire, quindi alcuni dormono in terra e mancano di alimentazione adeguata, acqua potabile, materiale di igiene personale e  assistenza medica.  Potrei continuare la lista... il 99,9% proviene dalle favelas, sono di razza negra, semianalfabeta e con un reddito pro capite di 1 euro al giorno.

   

Altra situazione gravissima è l’abuso sessuale di bambine/i e adolescenti nell’ambito familiare e la tendenza di vari adolescenti e giovani al suicidio e alla pratica di tagli nel proprio corpo che spesso sono mortali. Attraverso le attività artistiche tentiamo di affrontare anche queste tematiche, dando spazio alla riflessione e al dialogo, oltre che all’aiuto psicologico e psichiatrico. Il mondo delle favelas é duro e violento.
Violenza che in molti casi comincia nella famiglia che non è sostenuta dalle istituzioni. 13,50 milioni di famiglie vivono in estrema miseria, ricevono dal governo 145,00 reais mensili, equivalenti a circa 30 euro al mese. E la vita è cara. Il problema maggiore del Brasile è la concentrazione del reddito nelle mani di pochi.
Senza dubbio la nostra presenza ha dato la possibilità a molti giovani di costruire la propria vita con dignità e responsabilità. Gli educatori che attualmente collaborano con noi, a suo tempo sono stati beneficiati dal progetto Coloriamo la Vita e oggi sono capaci di aiutare altri. Questo ci riempie di profonda gioia. E lo abbiamo potuto fare e continuiamo a farlo per la grazia del Signore e l’aiuto di tante persone sensibili, che vivono la solidarietá e si lasciano toccare dalla sofferenza degli ultimi della nostra societá.
Gesú nella sua missione storica ha privilegiato gli “ultimi” non perché erano migliori, ma semplicemente perché si trovavano in situazione di estremo “bisogno”. Si é fatto prossimo a chi stava ai margini della comunitá sociale e ecclesiale. È la nostra missione: lavorare perché tutte le persone abbiano dignitá e vita in pienezza.
Grazie infinite ad ognuno e ognuna di voi
Affidiamo la vostra famiglia al Signore che vi benedice e vi protegge, Risplenda su di voi il suo amore misericordioso. Rimanete Felici!
Un santo Natale e un felice 2020!
Un grandissimo abbraccio da noi tutte/i: bambini, adolescenti, giovani, donne, educatori e noi suore.

Suor Gabriella

 
Facciamo il punto
Suor Gabriella, dal Brasile, ci presenta alcuni dei corsi attualmente in atto a Fortaleza. Mentre da Sao Lluis immagini e video documentano le attività che, grazie al Progetto "Coloriamolavita" stanno continuando con successo.
   

 

 
Rendiconto primo semestre 2019
 
Progetto Centro di Convivenza Madre Giuseppina Maciotta
 
 
 
 

 

 

Se volete dare un contributo...
potete fare una ricarica delle carte Postepay n.:
-
4023 6009 0132 4287 intestata a Menegazzi Francesca per le attività del progetto a Sao Luis;
-
4023 6009 1448 6859 intestata a Antonietta Pinna per le attività del progetto a Fortaleza